Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Aie, più capacità di stoccaggio oil nel 2016
21/01/2016 - Pubblicato in stoccaggi

Quest'anno dovrebbero essere completati depositi per stoccare oltre 230 milioni di barili. Una capacità che si localizzerà soprattutto in Cina, che peserà in questo processo per oltre il 50% con i suoi 110 milioni di barili di capacità nei siti di Jinzhou e Huizhou, per lo stoccaggio di scorte strategiche. Altri depositi dovrebbero essere costruiti in Yangpu, Dongying, Yunnan e Shandong. In India la capacità di stoccaggio per le scorte strategiche aumenterà di circa 30 milioni di barili nel 2016. Progetti più piccoli stanno per essere completati anche in Singapore (4,5 milioni di barili) e Maldive (0,3 milioni di barili). Prossimamente, inoltre, la capacità di stoccaggio in Medio Oriente dovrebbe aumentare parecchio, in particolare in Oman e Emirati Arabi, che dominano lo stretto di Hormuz. "Quest'anno vedremo gli Emirati Arabi aumentare di 10 milioni di barili la loro capacità di stoccaggio a Fujairah e nella free trade zone di Hamiyah - si legge - nel 2017 dovrebbe vedere la luce l'ambizioso progetto omanita di Ras Markaz, che potrebbe arrivare a contenere 200 milioni di barili". Progetti di ampliamento sono previsti anche in Sud Africa (0,7 milioni di barili) e Mozambico (1 milione di barili).

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]