Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Aie ottimista sulla crescita della domanda petrolifera
23/07/2016 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

L'Agenzia internazionale per l'energia mantiene il suo ottimismo sulla crescita della domanda mondiale di petrolio. Rispetto all'ultimo Oil Market Report, le stime Aie sulla domanda mondiale di greggio per il 2016 sono state aumentate di 0,1 milioni di barili al giorno a 96,1 milioni di barili al giorno, un aumento dovuto in larga parte alla resilienza della domanda europea. Guardando al 2017, la domanda mondiale è prevista aumentare di altri 1,3 milioni di b/g a 97,4 milioni, principalmente grazie ai paesi non Ocse, tra cui svetta l'Asia, con la domanda dall'India che sarà quella dal maggior tasso di crescita, aumentando di 280.000 b/g, seguita subito dopo dalla Cina. La domanda di greggio europea ha rappresentato la più grande sorpresa del secondo trimestre 2016, con un aumento di 240.000 b/g “grazie al supporto dato dal cheap oil” osserva l'Aie. Sono state corrette al rialzo anche le stime sulla domanda petrolifera Usa. I consumi giapponesi hanno mostrato il più grande calo del secondo trimestre 2016, tirata giù principalmente dalla ritirata della domanda petrolifera per la generazione elettrica. La recente frenata dei consumi cinesi continua: in maggio la domanda oil è salita solo di 130.000 b/g (solo +1%), a causa dell'affievolirsi della domanda di benzina e diesel.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dal gas alle reti, quattro mine sul Piano energia

La campanella suonerà il 31 dicembre quando tutti i paesi Ue dovranno presentare la versione definitiva dei Piani nazionali per l’energia e il clima
[leggi tutto…]

Phase out La Spezia, i sindacati: conversione a gas ed essenzialità

Per la prima volta tutti i partecipanti al tavolo del phase out (tranne il ministero dello Sviluppo economico) si incontreranno in pubblico per parlare della centrale a carbone di La Spezia.
[leggi tutto…]

L’ordine degli Usa a Salvini: “Fai completare il Tap”

Nel colloquio che Salvini ha avuto l’altro ieri con il vicepresidente statunitense Mike Pence è emerso un fattore che la delegazione italiana non aveva previsto: il Tap
[leggi tutto…]