Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Aie ottimista sulla crescita della domanda petrolifera
23/07/2016 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

L'Agenzia internazionale per l'energia mantiene il suo ottimismo sulla crescita della domanda mondiale di petrolio. Rispetto all'ultimo Oil Market Report, le stime Aie sulla domanda mondiale di greggio per il 2016 sono state aumentate di 0,1 milioni di barili al giorno a 96,1 milioni di barili al giorno, un aumento dovuto in larga parte alla resilienza della domanda europea. Guardando al 2017, la domanda mondiale è prevista aumentare di altri 1,3 milioni di b/g a 97,4 milioni, principalmente grazie ai paesi non Ocse, tra cui svetta l'Asia, con la domanda dall'India che sarà quella dal maggior tasso di crescita, aumentando di 280.000 b/g, seguita subito dopo dalla Cina. La domanda di greggio europea ha rappresentato la più grande sorpresa del secondo trimestre 2016, con un aumento di 240.000 b/g “grazie al supporto dato dal cheap oil” osserva l'Aie. Sono state corrette al rialzo anche le stime sulla domanda petrolifera Usa. I consumi giapponesi hanno mostrato il più grande calo del secondo trimestre 2016, tirata giù principalmente dalla ritirata della domanda petrolifera per la generazione elettrica. La recente frenata dei consumi cinesi continua: in maggio la domanda oil è salita solo di 130.000 b/g (solo +1%), a causa dell'affievolirsi della domanda di benzina e diesel.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’ok USA a Nord Stream 2. Merkel: mano tesa a Putin

La prima tappa del viaggio europeo del Segretario di Stato americano Anthony Blinken a Berlino potrebbe coincidere con una svolta nei rapporti tra UE e Russia.
[leggi tutto…]

Eni, nuova scoperta nel Mare del Nord

Eni centra un altro traguardo in Norvegia dove ieri ha annunciato una nuova scoperta a olio e gas nel Marte del Nord Meridionale
[leggi tutto…]

Volete le emissioni zero? Triplicate il verde

Gli investimenti nell’energia cresceranno del 10% quest’anno, fino a 1900 miliardi di dollari, recuperando la maggior parte del crollo dell’anno scorso causato dalla pandemia
[leggi tutto…]