Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Aie, frena la domanda petrolifera mondiale
15/04/2016 - Pubblicato in news internazionali

Nel 2016 la domanda petrolifera mondiale crescerà solo di 1,2 milioni di barili al giorno, in frenata rispetto all'aumento di 1,8 milioni di barili giorno guadagnati nel 2015. E' quanto prevede l'Aie, nel suo ultimo Oil Market Repor, sottolineando che la frenata dei consumi di greggio riguarderà principalmente la Cina, gli Usa e gran parte dell'Europa. “I dati preliminari del primo trimestre del 2016 rivelano che la frenata è già in atto – scrive l'Aie – su una base di crescita annuale pari a +1,2 mln b/g, dopo il guadagno di 1,4 mln b/g del quarto trimestre del 2015 e il +2,3 mln b/g del terzo trimestre 2015”. La produzione di greggio Opec è scesa di 90.000 b/g in marzo a 32,47 mln b/g a causa delle interruzioni di offerta da Nigeria, Emirati Arabi e Iraq, che non sono state controbilanciate sufficientemente dagli aumenti in Iran e Angola. L'offerta dall'Arabia Saudita è calata in marzo, restando intorno ai 10,2 milioni di barili al giorno. L'offerta mondiale di greggio in marzo è calata di 0,3 milioni di barili al giorno a 96,1 milioni di barili al giorno. “Lo scenario per la produzione non Opec nel 2016 è praticamente invariata rispetto al rapporto del mese scorso, a 57 milioni di barili al giorno, 710.000 b/g in meno rispetto alla media del 2015”, si legge.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]