Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Aie, frena la domanda petrolifera mondiale
15/04/2016 - Pubblicato in news internazionali

Nel 2016 la domanda petrolifera mondiale crescerà solo di 1,2 milioni di barili al giorno, in frenata rispetto all'aumento di 1,8 milioni di barili giorno guadagnati nel 2015. E' quanto prevede l'Aie, nel suo ultimo Oil Market Repor, sottolineando che la frenata dei consumi di greggio riguarderà principalmente la Cina, gli Usa e gran parte dell'Europa. “I dati preliminari del primo trimestre del 2016 rivelano che la frenata è già in atto – scrive l'Aie – su una base di crescita annuale pari a +1,2 mln b/g, dopo il guadagno di 1,4 mln b/g del quarto trimestre del 2015 e il +2,3 mln b/g del terzo trimestre 2015”. La produzione di greggio Opec è scesa di 90.000 b/g in marzo a 32,47 mln b/g a causa delle interruzioni di offerta da Nigeria, Emirati Arabi e Iraq, che non sono state controbilanciate sufficientemente dagli aumenti in Iran e Angola. L'offerta dall'Arabia Saudita è calata in marzo, restando intorno ai 10,2 milioni di barili al giorno. L'offerta mondiale di greggio in marzo è calata di 0,3 milioni di barili al giorno a 96,1 milioni di barili al giorno. “Lo scenario per la produzione non Opec nel 2016 è praticamente invariata rispetto al rapporto del mese scorso, a 57 milioni di barili al giorno, 710.000 b/g in meno rispetto alla media del 2015”, si legge.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’ok USA a Nord Stream 2. Merkel: mano tesa a Putin

La prima tappa del viaggio europeo del Segretario di Stato americano Anthony Blinken a Berlino potrebbe coincidere con una svolta nei rapporti tra UE e Russia.
[leggi tutto…]

Eni, nuova scoperta nel Mare del Nord

Eni centra un altro traguardo in Norvegia dove ieri ha annunciato una nuova scoperta a olio e gas nel Marte del Nord Meridionale
[leggi tutto…]

Volete le emissioni zero? Triplicate il verde

Gli investimenti nell’energia cresceranno del 10% quest’anno, fino a 1900 miliardi di dollari, recuperando la maggior parte del crollo dell’anno scorso causato dalla pandemia
[leggi tutto…]