Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Aie avverte l’Opec: “serve molto lavoro per ridurre le scorte”
17/05/2017 - Pubblicato in news internazionali

Per smaltire l’eccesso di petrolio sul mercato «c’è ancora molto lavoro da fare» e l’Opec dovrà rassegnarsi a tempi lunghi e forse anche a sacrifici maggiori rispetto a quelli compiuti finora. È questo il messaggio dell’Agenzia internazionale per l’energia (Aie), a nove giorni dal vertice in cui l’Organizzazione degli esportatori di greggio dovrà decidere con i suoi alleati sulla proroga dei tagli di produzione. Arabia Saudita e Russia lunedì hanno gettato il cuore oltre l’ostacolo, annunciando di voler proseguire l’intervento fino a marzo 2018: una scelta che l’Aie sembra condividere. Riad e Mosca tra l’altro puntano non solo a guadagnare il consenso unanime dei Paesi che stanno già partecipando ai tagli, ma anche ad allargare la coalizione, coinvolgendo altri produttori non Opec: ci sono colloqui in corso per 3-5 “new entry”, ha assicurato il ministro russo Alexander Novak. Ieri il piano ha guadagnato il sostegno del Kuwait e dell’Iraq (anche se Baghdad ha glissato sulla durata della proroga), mentre tra gli alleati esterni al gruppo, oltre alla Russia, si è già schierato a favore l’Oman (il Kazakhstan, d’altra parte, ha chiesto di rinegoziare le condizioni della sua partecipazione). Estendere i tagli produttivi è una necessità, concorda l’Aie nel suo rapporto mensile, poiché anche mantenendo le attuali condizioni di mercato «le scorte alla fine del 2017 potrebbero non essersi ridotte alla media degli ultimi cinque anni».

Fonte: Il Sole 24 Ore – Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 28)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]