Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Adriatic Lng, tasso di utilizzo oltre il 95%
07/02/2020 - Pubblicato in news nazionali

Nel 2019 il terminale di rigassificazione Adriatic Lng ha raggiunto un tasso di utilizzo annuale del 95,6% - un livello che va al di sopra della media europea che si aggira intorno al 50% - superando il valore del 2018 (81%) e il precedente record, registrato nel 2010 (87%). Ad avvalorare il dato, spiega una nota, “i primati” relativi alle navi di Gnl approdate nel 2019 (88, +11 rispetto al 2018) e al quantitativo di gas naturale immesso in rete, corrispondente a 7,6 mld mc (+1,1 mld rispetto all’anno precedente), che hanno portato l’infrastruttura “a sfiorare la capacità massima di rigassificazione, pari a 8 mld mc l’anno”. I dati registrati dal terminale al largo della costa veneta (co-controllato da ExxonMobil italiana gas e Qatar terminal limited e partecipato da Snam) “riflettono la ripresa dei consumi italiani di gas che, trainati dal settore termoelettrico, mostrano nel 2019 un incremento del 2,3% rispetto all’anno precedente, salendo a 73,8 mld mc”. Di questi, oltre 70,6 mld mc sono costituiti “dalle importazioni provenienti dall’estero, necessarie per controbilanciare il costante declino della produzione nazionale, scesa a 4,5 mld mc”.

Fonte: Quotidiano Energia

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]

UE, due bandi per progetti d’interesse comune

La Commissione europea ha aperto due call for applications per progetti nell'ambito delle reti intelligenti (“smart grids”) e delle reti per il trasporto della CO2 da far rientrare nel quinto elenco di progetti d'interesse comune &nd
[leggi tutto…]