Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Acquisti centralizzati: per gas, luce e telefoni non si supera il 25%
26/10/2015 - Pubblicato in aspetti tecnici

Secondo le elaborazioni di Consip per II Sole 24 Ore, appena il 25% della spesa pubblica che dovrebbe passare solo per Consip o per le centrali regionali utilizza di fatto la centrale statale: 1,6 miliardi ogni anno contro i 6,5 che gli enti pubblici destinano all'acquisto di questi beni. Da luglio 2O12 (con il DI 95) è stato rafforzato l'obbligo di passare attraverso Consip (o tramite le centrali regionali) per acquisti di alcune categorie di beni: energia elettrica, gas, combustibili da riscaldamento (le cosiddette fonti per immobili), carburanti (rete ed extra rete) e telefonia, fissa e mobile. Per questi beni, le amministrazioni pubbliche (comprese quelle locali) possono ancora approvvigionarsi da sole, ma solo se riescono a spuntare prezzi inferiori a quelli della centrale statale. La manovra puntava naturalmente a garantire risparmi di spese tramite l'acquisto centralizzato. Solo per la telefonia fissa, per esempio, i valori Consip sono inferiori del 69%. Il risparmio è molto più variabile per energia, gas e carburanti, ma di fatto garantito nella stragrande maggioranza dei beni. Dal 2012 la spesa presidiata da Consip in queste categorie è sicuramente salita ma forse non ai ritmi auspicati: due anni e mezzo dopo l'asticella è ancora ferma al 25% del totale. All'appello mancano poco meno di cinque miliardi.

Fonte: Il Sole 24 ore – Valeria Uva (pag.10)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]