Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Accordo sui tagli, vola il petrolio
01/12/2016 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

A seguito dell’accordo raggiunto, l’Opec non solo si impegna a tagliare la produzione di petrolio di ben 1,2 milioni di barili al giorno, a partire da gennaio e per sei mesi prorogabili. Ma sostiene di poter contare fin d’ora sulla collaborazione della Russia (affermazione subito confermata da Mosca) e di altri produttori non Opec, per una riduzioneulterioredialtri600milabarili. Sull’altare dell’accordo - che è riuscito nel miracolo di conciliare le posizioni di Arabia Saudita, Iran e Iraq - è stata sacrificata l’Indonesia: il paese, che peraltro è un importatore netto di petrolio, uscirà dall’Organizzazione dopo esservi rientrata dopo lunga assenza solo l’anno scorso. «Per loro sarebbe stato difficile partecipare a questa decisione unanime - ha spiegato Mohammed Al Sada, ministro del Qatar e presidente in carica dell’Opec - così hanno scelto di autosospendersi». Non appena si è intravista la possibilità di un accordo, le quotazioni del barile sono arrivate a guadagnare oltre il 9%, nel caso del Brente il 10% per il Wti. In chiusura il riferimento europeo valeva 50,48 $, l’americano Wti 49,75 dollari. Le quote di produzione di ciascun paese membro sono state pubblicate – cosa che non accadeva più da dieci anni - ed è stato istituito un comitato di monitoraggio, che vigilerà sull’effettiva attuazione dei tagli e potrà anche revocarli dopo i primi sei mesi se non ci sarà la collaborazione di paesi esterni al gruppo.

Fonte: Il Sole 24Ore – Sissi Bellomo (pag. 3)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]