Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Accise e sussidi, ecco il piano della vice ministra Castelli
26/07/2019 - Pubblicato in news nazionali

Il tavolo della vice ministra all'Economia Laura Castelli ha individuato i primi sussidi ambientalmente dannosi da eliminare, spostare o riconvertire, con l'obiettivo di inserire alcune misure nella prossima Legge di Bilancio. Si va dal riequilibrio delle accise di benzina e gasolio all'estensione degli sgravi agli energivori per il gas, dalla riduzione degli sconti sul gasolio per l'autotrasporto agli sconti su gasolio e Gpl nelle zone montane, fino all'eliminazione degli sconti per l'acquisto di carburante per le ambulanze. Già da quest'anno si punta a intervenire sulle accise della benzina e del gasolio, ipotizzando per il primo anno parità di gettito, per poi recuperare 500 milioni nei tre anni successivi. Dal 2022 una riduzione dell'agevolazione per gasolio e Gpl per riscaldamento in aree montane, isole minori e Sardegna. Nell'immediato il Mef vorrebbe eliminare l'agevolazione sul Gpl utilizzato negli impianti centralizzati per usi industriali e per i carburanti usati per il trasporto ferroviario di persone e merci puntando sull'elettrificazione. Via anche le agevolazioni sui carburanti usati dalle forze armate e i carburanti delle ambulanze. Subito incentivi al Gnl per le navi con la contestuale eliminazione dell'agevolazione sui prodotti energetici per le navi che fanno esclusivamente movimentazione all'interno del porto di transhipment. Alcune misure non hanno ancora una data e sono in fase di studio.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Lezioni da Davos: il rilancio <<verde>> di von der Leyen e il rischio di scontro sul commercio con Usa e Cina

Era da più di dieci anni che l’Europa cercava un ruolo internazionale trovato a Davos
[leggi tutto…]

Il Piano nazionale energia frena sull’addio al carbone nel 2025

Sull’addio al carbone nel 2025 il governo italiano è molto più cauto
[leggi tutto…]

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]