Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa A2A – Lgh possibile dopo l’estate
17/07/2015 - Pubblicato in news nazionali

Occorrerà attendere appena dopo l'estate per sapere se A2A  potrà brindare alla prima operazione industriale dell'era Valotti-Camerano, vale a dire l'integrazione con Lgh. "Gli advisor sono al lavoro" sull'operazione, ha affermato il presidente della multiutility lombarda, Giovanni Valotti, a margine della presentazione del bilancio di sostenibilità dell'azienda. A tirare le fila dell'operazione, studiandone fattibilità ed eventuali aspetti critici, sono Mediobanca  e Kpm per Lgh, mentre per A2A  sono al lavoro B.Imi e Deloitte. Linea Group Holding fa capo ai comuni di Cremona, Rovato, Lodi, Pavia e Crema e a metà giugno aveva avviato un tavolo di lavoro assieme ad A2A , finalizzato alla valutazione di possibili operazioni di partnership di natura industriale; le due aziende si sono impegnate reciprocamente con una lettera di intenti. Nelle prossime settimane, le due società e i rispettivi consulenti continueranno pertanto a studiare la fattibilità dell'operazione, per poi prendere una decisione definitiva al ritorno dalle vacanze estive. "Entro settembre", ha infatti dichiarato Valotti, "avremo una risposta". A chi gli ha fatto notare che la scadenza delle trattative in esclusiva era stata fissata al 31 luglio, il presidente ha spiegato che "non si tratta di una proroga. Gli advisor sono attivamente e alacremente al lavoro e al 31 luglio faremo il punto su dove siamo arrivati".

Fonte: Milano Finanza 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’idrogeno dà prospettiva a Snam

Snam avrà un ruolo crescente nella transizione energetica basata anche sull’idrogeno
[leggi tutto…]

Gas, a giugno calo consumi limita i danni: -5,1%

I consumi di gas naturale nel mese di giugno registrano un nuovo calo, ma a cifra singola, con un ritorno alla normalità dei consumi civili che attenua l'impatto delle flessioni nell'industria e nel termoelettrico.
[leggi tutto…]

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]