Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa A2A: Chi dà la carica all’energia lombarda
15/02/2016 - Pubblicato in news nazionali

Una decisione che ha portato una piccola rivoluzione in A2A a partire dal 2014, anno d'arrivo dell'amministratore delegato Luca Valerio Camerano e del presidente Giovanni Valotti ai vertici dell'utility lombarda, partecipata dai comuni di Milano e Brescia. Il piano industriale 2015-2019, presentato ad aprile dello scorso anno, è ambizioso e vede tra i punti chiave la ristrutturazione e la riorganizzazione del settore termoelettrico. Con questo obiettivo specifico è stata creata la business unit Generazione & Trading, affidata a Massimiliano Masi. «Questa riorganizzazione porterà alla contrazione della capacità termoelettrica del 40% e a una riduzione dei costi operativi. Passerà attraverso chiusure e congelamenti di impianti, miglioramento dell'efficienza operativa e flessibilizzazione delle unità produttive, riconversioni di impianti obsoleti in poli tecnologici rinnovabili — spiega Camerano — e anche da accordi concreti, come quello con Sorgenia, per scambi di gestione di asset». L'obiettivo è promuovere il riassetto del settore, favorendo anche processi di consolidamento.

Fonte: Corriere della Sera, CorriereEconomia

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]