Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa A2A: Chi dà la carica all’energia lombarda
15/02/2016 - Pubblicato in news nazionali

Una decisione che ha portato una piccola rivoluzione in A2A a partire dal 2014, anno d'arrivo dell'amministratore delegato Luca Valerio Camerano e del presidente Giovanni Valotti ai vertici dell'utility lombarda, partecipata dai comuni di Milano e Brescia. Il piano industriale 2015-2019, presentato ad aprile dello scorso anno, è ambizioso e vede tra i punti chiave la ristrutturazione e la riorganizzazione del settore termoelettrico. Con questo obiettivo specifico è stata creata la business unit Generazione & Trading, affidata a Massimiliano Masi. «Questa riorganizzazione porterà alla contrazione della capacità termoelettrica del 40% e a una riduzione dei costi operativi. Passerà attraverso chiusure e congelamenti di impianti, miglioramento dell'efficienza operativa e flessibilizzazione delle unità produttive, riconversioni di impianti obsoleti in poli tecnologici rinnovabili — spiega Camerano — e anche da accordi concreti, come quello con Sorgenia, per scambi di gestione di asset». L'obiettivo è promuovere il riassetto del settore, favorendo anche processi di consolidamento.

Fonte: Corriere della Sera, CorriereEconomia

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio volatile in attesa di G20 e Opec

Le nuove sanzioni Usa contro l’Iran non hanno smosso i mercati petroliferi.
[leggi tutto…]

Dal gas alle reti, quattro mine sul Piano energia

La campanella suonerà il 31 dicembre quando tutti i paesi Ue dovranno presentare la versione definitiva dei Piani nazionali per l’energia e il clima
[leggi tutto…]

Phase out La Spezia, i sindacati: conversione a gas ed essenzialità

Per la prima volta tutti i partecipanti al tavolo del phase out (tranne il ministero dello Sviluppo economico) si incontreranno in pubblico per parlare della centrale a carbone di La Spezia.
[leggi tutto…]