Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa 9,6% La percentuale di ricavi delle società dello S&P s 500 legate al petrolio. Wall Street trema per il calo dei prezzi
19/11/2018 - Pubblicato in news internazionali

Lo scorso aprile, i titoli di Wall Street legati all’energia erano stati i più bersagliati dai riscatti dei fondi d’investimento. Da quel momento, con l’indice Dow Jones che è poi rimbalzato fino a toccare il suo massimo storico i primi di ottobre, i timori per una brusca frenata della grande corsa dell’azionariato americano sono stati accontenati. Ora, con il nuovo crollo delle quotazioni del greggio, con l’indice Wti che ha perso oltre il 20% in quattro settimane, il tema si ripropone, imponendo scelte inevitabili agli investitori. Per paradosso, a provocare la caduta del prezzo del petrolio è stato il Presidente Trump, lo stesso che con le sue politiche economiche, soprattutto sul lato fiscale, è stato uno dei fattori principali della corsa alle azioni negli ultimi anni. Il suo “tweet” indirizzato ai Paesi dell’Opec ha provocato l’effetto opposto a quello sperato da paesi produttori, facendo scendere ulteriormente le quot5azioni invece di porre fine alla caduta che dura da un mese a questa parte.

Fonte: Repubblica, A&F – Luca Pagni (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]