Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa 10.000 morti. Il costo all’anno del “Dieselgate”
18/09/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

L’Italia è il paese europeo dove l’inquinamento delle auto uccide di più. Ogni anno in Europa circa 10.000 persone muoiono a causa dell’ossido di azoto, gas nocivo emesso dai motori diesel; quasi un terzo delle vittime risiede in Italia. La ricerca svolta dall’Istituto Meteorologico Norvegese (MetNorway), in collaborazione con l’International Institute for Applied System Analysis (IIASA). Italia, Francia, Germania e Regno Unito totalizzano da soli il 70% dei decessi registrati in Europa. Se le auto diesel non avessero inquinato oltre i tetti imposti dall’Ue si sarebbero potuti evitare 5.000 morti. I trasporti sono la maggior fonte di inquinamento dell’aria, responsabile di circa 425 mila morti premature; più del 90% di queste sono decessi causati da malattie respiratorie e cardiovascolari.

Fonte: Il Fatto Quotidiano – Stefano Valentino (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’idrogeno dà prospettiva a Snam

Snam avrà un ruolo crescente nella transizione energetica basata anche sull’idrogeno
[leggi tutto…]

Gas, a giugno calo consumi limita i danni: -5,1%

I consumi di gas naturale nel mese di giugno registrano un nuovo calo, ma a cifra singola, con un ritorno alla normalità dei consumi civili che attenua l'impatto delle flessioni nell'industria e nel termoelettrico.
[leggi tutto…]

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]