Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa 0,2. Sono i milioni di barili di petrolio in più offerti dai paesi produttori rispetto ad una domanda debole
26/08/2019 - Pubblicato in news internazionali

Zero virgola 2 milioni. Di tanto nel primo semestre del 2019, secondo la Iea, International Energy Agency, l’offerta di greggio sui mercati mondiali è stata superiore all’effettiva richiesta da parte delle economie. Possono sembrare pochi, ma il numero non tranquillizza i paesi produttori, specie quelli rappresentati dal cartello Opec, perché significa che nemmeno le sostanziali riduzioni della capacità produttiva messe in atto dall’inizio dell’anno sono state sufficienti per ristabilizzare il prezzo che è tornato a scendere fino a quota 60 dollari. Intendiamoci, i consumi petroliferi stanno continuando a crescere anno su anno, ma a ritmi sempre più blandi, attorno all’1%. Di fatto l’Opec deve fare i conti con una tendenza negativa che non riesce a invertire. Un ruolo centrale in tutto questo lo ha giocato la capacità produttiva Usa, ma ora la novità è che anche gli Stati Uniti rallentano: nell’ultimo mese la capacità estrattiva americana ha subito un forte freno, per la prima volta infatti le interruzioni produttive non programmate hanno superato quelle dell’Arabia Saudita.

Fonte: La Repubblica, A&F – Stefano Carli (pag. 10)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]